XX. Obbligazioni

(k€)
31.12.2012 31.12.2011 Variazione
Obbligazioni non convertibili  201.607 - 201.607
Totale corrente 201.607 - 201.607
Obbligazioni non convertibili 124.508 333.065 (208.557)
Commissioni emissione prestiti (843) (687) (156)
Totale non corrente 123.665 332.378 (208.713)
Totale 325.272 332.378 (7.106)

Le “Obbligazioni non convertibili” si riferiscono a titoli obbligazionari non quotati (“Private Placement”) emessi, con la garanzia di Autogrill S.p.A., da HMSHost Corporation (già Autogrill Group Inc.):

  • nel gennaio 2003, per complessivi $ 370m e che, dopo il rimborso alle scadenze del gennaio 2010 e 2011 di due tranche rispettivamente di $ 44m e di $ 60m, al 31 dicembre 2012 residuano di complessivi $ 266m, con scadenza gennaio 2013 e cedole semestrali al tasso fisso annuo del 6,01%; tale prestito obbligazionario è stato rimborsato alla scadenza, come meglio illustrato in seguito;
  • nel maggio 2007, per complessivi $ 150m. L’emissione è stata effettuata al tasso fisso del 5,73% annuo con cedole semestrali e scadenza maggio 2017. A parziale copertura dell’esposizione alle variazioni del fair value sono in essere Interest Rate Swap per un valore nozionale di $ 75m.

Relativamente a tale secondo prestito obbligazionario, nel mese di dicembre 2012, è stata sottoscritta una modifica contrattuale con le controparti che prevede, tra l’altro, la determinazione degli indicatori economico-finanziari da rispettare determinati unicamente sul perimetro societario facente capo a HMSHost Corporation (già Autogrill Group Inc.) e, al verificarsi di certe condizioni, la cancellazione della garanzia di Autogrill S.p.A.

Si segnala anche che nel mese di gennaio 2013 è stato sottoscritto un nuovo prestito obbligazionario per complessivi $ 150m, garantito da Autogrill S.p.A., con scadenza gennaio 2023 e cedole semestrali al tasso fisso del 5,12%, i cui proventi sono stati utilizzati, unitamente a linee di credito esistenti al 31 dicembre 2012, per il rimborso del prestito obbligazionario emesso nel 2003; anche tale nuovo prestito obbligazionario prevede, tra l’altro, la determinazione degli indicatori economico-finanziari da rispettare determinati unicamente sul perimetro societario facente capo a HMSHost Corporation (già Autogrill Group Inc.) e, al verificarsi di certe condizioni, la cancellazione della garanzia di Autogrill S.p.A.

Complessivamente, al 31 dicembre 2012, la voce ammonta a € 325.272k rispetto ai € 332.378k al 31 dicembre 2011, con una variazione che riflette l’effetto conversione (€ -6.423k) e la variazione del fair value.

Nell’esercizio è stato rilevato un utile sulla voce coperta di $ 0,7m (pari a € 0,5m) e una perdita di pari importo sullo strumento di copertura, con un effetto quindi nullo nel Conto economico. Il valore cumulato delle variazioni del fair value sulla voce coperta comporta un incremento della passività al 31 dicembre 2012 pari a $ 14,7m (€ 11,2m).

ll fair value delle obbligazioni in essere è misurato sulla base di tecniche di valutazione che prendono a riferimento parametri osservabili sul mercato, diversi dalle quotazioni dello strumento finanziario. Sono perciò classificabili nel Livello 2 della gerarchia di fair value (così come definita dall’IFRS 7), invariato rispetto all’esercizio precedente.

Il regolamento del prestito obbligazionario scadente a maggio 2017 e quello del nuovo prestito obbligazionario scadente a gennaio 2023 prevedono il mantenimento entro valori prestabiliti dei seguenti indicatori economico-finanziari: un Leverage Ratio (Indebitamento Finanziario Lordo/EBITDA) non superiore a 3,5 volte e un Interest Cover (EBITDA/Oneri Finanziari Netti) non inferiore a 4,5 volte, calcolati unicamente sul perimetro societario facente capo a HMSHost Corporation (già Autogrill Group Inc.).

Il regolamento del prestito obbligazionario con scadenza gennaio 2013 prevede il mantenimento entro valori prestabiliti dei seguenti indicatori economico-finanziari: un Leverage Ratio (Indebitamento Finanziario Netto/EBITDA) non superiore a 3,5 volte e un Interest Cover (EBITDA/Oneri Finanziari Netti) non inferiore a 4,5 volte, calcolati sui dati dell’intero Gruppo.

Si segnala che, per la determinazione del Leverage Ratio e dell’Interest Cover, i contratti di finanziamento fanno riferimento a definizioni contrattuali di indebitamento finanziario lordo e netto, EBITDA e oneri finanziari, che differiscono dai saldi risultanti dalle voci di bilancio o da loro aggregazioni e che non sono pertanto immediatamente desumibili dalla lettura del bilancio stesso.

Al 31 dicembre 2012 tali requisiti contrattuali risultano pienamente rispettati.