Corporate Social Responsibility

Afuture

Per Autogrill la sostenibilità è una filosofia di business, chiaramente definita all’interno della Mission di Gruppo: offrire alle persone in viaggio un servizio di qualità nei settori della ristorazione e del retail, con l’intento di generare valore per tutti gli stakeholder, operando nel pieno rispetto delle diversità culturali e dell’ambiente.

Con la redazione nel 2005 del primo Rapporto di Sostenibilità ha avuto inizio il percorso di sviluppo, all’interno del Gruppo, di progetti legati alla sostenibilità. Nel 2007 nasce Afuture, con l’obiettivo di innovare, in una visione integrata di eco-compatibilità ed efficienza economica, i punti vendita Autogrill. Il progetto ha avuto negli anni una sostanziale evoluzione, trasformandosi in un laboratorio internazionale di idee, progettualità e best practice da condividere all’interno del Gruppo. L’esperienza di Afuture ha consentito all’organizzazione di crescere e alle persone di sviluppare una maggiore consapevolezza sulle tematiche di sostenibilità comprendendo il valore di un percorso che oggi vede una nuova fase di sviluppo.

Come evoluzione di questa strada intrapresa, nel 2011 Autogrill ha definito la propria Roadmap di Sostenibilità per il triennio 2012-2015: un indirizzo strategico di riferimento per integrare l’approccio sostenibile nella gestione delle attività operative dei due settori di business (Food & Beverage e Travel Retail & Duty-Free) e una guida all’innovazione al fine di identificare, progettare e implementare azioni in coerenza con gli obiettivi di miglioramento individuati dal Gruppo nel campo della sostenibilità.

L’Afuture Roadmap è parte integrante della Policy di Sostenibilità del Gruppo. Il documento definisce il framework all’interno del quale Autogrill opera, il piano Strategico di sostenibilità per il miglioramento continuo delle performance (comprendente il CSR toolkit che illustra suggerimenti pratici d’azione), la governance, le attività di monitoring e reporting della sostenibilità, ed infine formazione, informazione e comunicazione.

Un’attività di rendicontazione continua attraverso il Rapporto di Sostenibilità

A partire dal 2006, Autogrill mette a disposizione dei suoi stakeholder il Rapporto di Sostenibilità, redatto secondo i principi internazionali del Global Reporting Initiative (GRI-G3). L’informativa fornita di seguito è ampliata e approfondita all’interno del Rapporto di Sostenibilità, pubblicato, in formato elettronico, sul sito www.autogrill.com, nella sezione dedicata alla Sostenibilità.

“People”, la politica di Autogrill nei confronti dei suoi collaboratori e consumatori

La posizione di Leader nei settori Food & Beverage e Travel Retail consolidata da Autogrill negli ultimi anni è stata frutto di un significativo percorso di internazionalizzazione ed espansione che ha visto il capitale umano del Gruppo ampliarsi non solo a livello numerico ma anche a livello di nazionalità, culture e competenze.
Al fine di integrare al meglio i team regionali ed internazionali e di valorizzare la dimensione del Gruppo capitalizzando il know-how e le competenze presenti nei diversi Paesi, nel 2012 è stata ridisegnata la struttura organizzativa del Food & Beverage Europa.

Nella realtà dei punti vendita, di fronte al cliente, ogni collaboratore rappresenta l’azienda stessa, la sua filosofia di business, il suo know-how, il suo atteggiamento nei confronti dell’ambiente e, d’altra parte, un cliente soddisfatto è la miglior promozione che un’azienda possa vantare all’esterno. È per questo che la gestione della relazione fra il Gruppo e i suoi collaboratori è strategica e fondamentale per la creazione di valore aggiunto e condiviso.

“Feel Good?” e “Do you Feel good?”

Per una gestione efficiente ed efficace del Gruppo, Autogrill è sempre interessata ai pareri e ai suggerimenti dei propri stakeholder. Quattro anni fa è nato “Feel good?”, il programma annuale di rilevazione della customer satisfaction su scala globale che permette di definire un quadro preciso delle esigenze e delle aspettative dei clienti Autogrill e di realizzare conseguentemente nuove soluzioni e offerte.

Alla luce del successo di “Feel good?”, nel 2012 è stata lanciata una survey online per la rilevazione dell’employee engagement: “Do you Feel good?”. Sono stati coinvolti quattordici paesi del Food&Beverage europeo, oltre a tutti i paesi nei quali opera World Duty Free Group, già coinvolti in un programma simile, al fine di identificare le aree di miglioramento e le azioni più opportune da intraprendere per un aumento del coinvolgimento dei collaboratori. Su 22.666 persone coinvolte oltre 15.000 persone hanno sfruttato questo canale per un confronto diretto con l’azienda (67%).

Valorizzazione dell’individuo tra vita professionale e vita privata

Una relazione sana fra azienda e collaboratore scaturisce dall’attenzione verso l’individuo e il suo benessere dentro e fuori l’azienda. Questo significa per Autogrill lavorare su diverse tematiche e iniziative che coinvolgono le persone sia nel ruolo di lavoratore, sia in quello di individuo.

Per questo motivo il Gruppo Autogrill si impegna attraverso attenti processi di selezione, percorsi di formazione e sviluppo organizzati ad hoc sui profili e sulle esigenze dei dipendenti e progetti di job rotation internazionale.

Inoltre Autogrill mette a disposizione dei propri dipendenti una vasta serie di iniziative e servizi dedicati ad aumentare il tempo per la vita privata e anche il proprio potere d’acquisto (tramite l’accesso a sconti su vari prodotti e servizi, diversi da paese a paese, dalle assicurazioni a piattaforme di shopping online).

Salute e Sicurezza

L’impegno di Autogrill nel garantire salute e sicurezza a tutti i collaboratori e consumatori si traduce in prevenzione, tecnologia, formazione e monitoraggio quotidiano. Autogrill effettua preventivamente attività di valutazione dei rischi potenziali sull’ambiente di lavoro per attivare le misure di prevenzione e protezione più idonee, quali per esempio procedure operative e investimenti in dispositivi di protezione individuali necessari all’eliminazione o minimizzazione dei rischi. Per garantire l’efficacia di queste attività, all’interno delle singole società del Gruppo vengono costantemente monitorati volumi e tipologie di infortuni occorsi e azioni di mitigazione intraprese. Tra i dati comparabili, nell’ultimo triennio abbiamo assistito ad una significativa riduzione degli infortuni.

Certificazioni sociali

L’impegno profuso dall’azienda nell’ottenimento di importanti certificazioni a tutela dei collaboratori nasce dalla stessa filosofia di attenzione alle persone come individui:

  • in Italia nel corso del 2012 sono state rinnovate le certificazioni ISO9001 sui Sistemi di Gestione Qualità e UNI 10854, sono invece ancora in corso di validità le certificazioni ISO22000 sulla Sicurezza Alimentare (per la sede milanese, il punto vendita Giovi Ovest e l’aeroporto di Orio al Serio) e la Certificazione Etica Social Accountability 8000 per Autogrill S.p.A.;
  • la Certificazione OHSAS18001, ottenuta nel 2012 per tutti i punti vendita World Duty Free Group in Gran Bretagna, promuove un ambiente di lavoro sano e sicuro garantendo un’infrastruttura che consente all’organizzazione di individuare e controllare sistematicamente i rischi per la salute e la sicurezza, ridurre i potenziali infortuni, favorire la conformità legislativa e migliorare le prestazioni complessive.

“Planet”, la politica di Autogrill nei confronti dell’ambiente

La questione ambientale (i cambiamenti climatici, l’accessibilità all’acqua, la produzione di rifiuti) è una realtà globale che coinvolge persone, organizzazioni e istituzioni di tutto il mondo.

Autogrill è convinta che a fare la differenza sia il contributo personale che ognuno può dare. Semplici gesti quotidiani possono contribuire a ridurre le emissioni senza pregiudicare la qualità della vita. Il Gruppo Autogrill, pur non essendo un’azienda a forte impatto ambientale, sente propria la responsabilità di ridurre i consumi di energia, acqua e materie prime a favore di energie pulite e rinnovabili, materiali riciclati e con un minore impatto sull’ambiente, tramite un’attenta progettazione dei punti vendita, una corretta gestione delle risorse e dei processi, un controllo continuo e, soprattutto, tramite il coinvolgimento dei propri collaboratori.

Coinvolgimento delle persone verso il risparmio energetico

Salvaguardare l’ambiente e le risorse significa, prima di tutto, consumare meno.

Riuscire a ridurre il consumo di energia e acqua richiede l’attenzione di tutti, a partire da chi progetta la struttura e gli impianti dei punti vendita, fino a chi ogni giorno ne gestisce le attività operative. Per questo motivo sono in corso continui programmi di sensibilizzazione e di coinvolgimento dei collaboratori, ad esempio vengono veicolati messaggi riguardanti il corretto funzionamento delle attrezzature e impianti (che nei momenti non produttivi della giornata possono essere spenti e produrre risparmi significativi); i ristoranti americani condividono le best practices tramite seminari in conference call aperti a tutti gli operatori; WDFG incoraggia i propri collaboratori ad impegnarsi a fare qualcosa per l’ambiente e raccoglie le migliori idee tramite il programma di ascolto Hear Me.

Innovazioni ed efficienza ambientale

L’esperienza del cliente Autogrill all’interno di un punto vendita (sia esso Food&Beverage o Travel Retail) viene sempre inizialmente veicolata ed influenzata dall’impatto con la struttura dello “store”; per il Gruppo innovare i propri punti vendita significa andare oltre l’attenzione e il focus sul cliente e sull’esperienza d’acquisto; significa anche puntare sull’efficienza energetica dell’edificio, sul miglioramento delle tecnologie impiantistiche, sulla diminuzione dei consumi di acqua, su una corretta raccolta dei rifiuti.

Di seguito, in sintesi, alcuni dei principali progetti realizzati nel 2012 dal Gruppo particolarmente importanti dal punto di vista della sostenibilità ambientale.

In Italia, gli sforzi per la riduzione dei consumi energetici si sono concretizzati quest’anno nella realizzazione di due impianti fotovoltaici, sfruttando le superfici dei tetti dei depositi centrali di Pieve Emanuele (MI) ed Anagni (FR). La produzione di energia dei due impianti è pari a circa 2,4 GWh, con un autoconsumo compreso tra il 70 ed il 90%. Inoltre, grazie all’utilizzo sempre più diffuso della tecnologia LED per l’illuminazione, sul sito logistico di Pieve Emanuele si è ottenuto un risparmio pari a circa il 58% dell'energia precedentemente consumata, pari circa 250 MWh per anno.

Il punto vendita italiano Villoresi Est, inaugurato a inizio 2013, rappresenta la best practice internazionale del Gruppo per l’innovazione sostenibile, in quanto realizza a livello locale un insieme di soluzioni virtuose che potranno essere singolarmente riprodotte in altri punti vendita della rete mondiale del Gruppo. Un progetto di sostenibilità a 360 gradi interamente realizzato seguendo gli standard di efficienza energetica e d’impronta ecologica del Protocollo LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) e i principi di Design For all e Dasa Ragister per l’accessibilità. Di particolare rilevanza l’impianto geotermico a “pila termica” con 420 sonde calate nel sottosuolo, la copertura captante di 350mq che cattura – stagionalmente - energia solare o freddo, l’illuminazione LED sia per l’esterno che per l’interno dell’area, il sistema di raccolta delle acque piovane e di falda.

Negli Stati Uniti, HMSHost è stata premiata dal Chicago Department of Aviation's per il suo contributo attivo nel rendere ogni giorno più sostenibile l’O'Hare International Airports tramite iniziative quali: il compostaggio dei rifiuti da cucina e dei fondi di caffè, l'acquisto di cibo di produzione locale, l’attenzione ad evitare l'impiego di contenitori di polistirolo e la donazione delle eccedenze di cibo a fine giornata ad associazioni benefiche. Sempre all’interno dell’aeroporto, in collaborazione con il Chicago Department of Aviation's, già neI 2011 HMSHost aveva inaugurato un giardino “aeroponico”: una modalità di coltivazione che non prevede l’utilizzo di terra in quanto le piante, posizionate su appositi sostegni, sono alimentate da sistemi di nebulizzazione delle radici con acqua arricchita da fertilizzanti minerali. Lattuga, basilico, origano, fagioli, prezzemolo sono solo un esempio delle coltivazioni che vengono poi utilizzate nelle cucine dei ristoranti HMSHost presenti nello scalo.

World Duty Free Group è membro fondatore della “Heathrow Sustainability Partnership” insieme alla compagnia aeroportuale stessa e altre società che vi operano all’interno. Nel 2012 il Gruppo si è impegnato in una serie di progetti, in particolare seguendo quelle che sono le sue aree di interesse e di conoscenza: “Energy Metering & Monitoring”, “Energy Reduction” ed “Energy Communication”.

Certificazioni ambientali

L’impegno dell’azienda nell’ottenimento di importanti certificazioni ambientali è naturale conseguenza dell’attenzione che Autogrill rivolge all’ambiente:

  • nel 2012 World Duty Free Group UK Ltd ha ricevuto la certificazione ISO14001:2004, norma accettata a livello internazionale che certifica la predisposizione di un Sistema di Gestione Ambientale efficace, per tutti i suoi punti vendita;
  • in Italia nel corso del 2012 è stata rinnovata la certificazione ISO14001 sul Sistema di Gestione Ambientale per la sede, per il punto vendita Brianza Sud e per i punti vendita all’interno dell’Aeroporto Torino Caselle, oltre alla certificazione EMAS per la sede e il punto vendita Brianza Sud.